14. December 2017 · Comments Off on Come Funziona il Fido Bancario · Categories: Banca e Conto Corrente

Il fido bancario è uno strumento che viene fornito dalle banche ai piccoli imprenditori o agli artigiani che necessitano di una maggiore disponibilità finanziaria in un dato momento, soprattutto per rispondere di spese improvvise o qualora si stia ancora attendendo il rientro di fatture messe in pagamento. Il fido bancario, anche se potrebbe sembrare alla stregua di un prestito, non deve essere confuso con questo, visto che ha caratteristiche differenti e usi diversi.

A differenza di un prestito, infatti, il fido bancario non deve essere usato necessariamente nella sua interezza: in questo modo gli interessi matureranno solo sulla cifra realmente usata e su di essa saranno poi calcolati.

L’istituto bancario, quindi, chiede al proprio cliente soltanto un’indicazione di massima circa la somma che s’intende utilizzare, ma sarà poi in totale autonomia che deciderà circa l’importo che diverrà realmente erogabile al richiedente.

Le banche hanno quindi l’esigenza di effettuare una serie di valutazioni, basate su dei parametri oggettivi, con le quali diventa possibile una stima accurata della solvibilità e affidabilità dell’azienda e, dunque, l’entità del fido.

Per avanzare la richiesta, si dovranno compilare dei moduli forniti dalla propria banca, nei quali si dovranno indicare in modo preciso tutti i dati personali e aziendali richiesti. Se si tratta di una società ad effettuare la richiesta, si dovranno allegare anche l’atto costitutivo della stessa e il relativo statuto. Meglio se si possono fornire delle garanzie di natura personale (quindi fornite da terze persone) oppure reali (quindi dello stesso cliente): dopo un accurato controllo, si avrà un pronunciamento in merito e l’eventuale erogazione con le specifiche per la restituzione del debito.

14. November 2017 · Comments Off on Come Scegliere un Promotore Finanziario · Categories: Banca e Conto Corrente

Non è difficile che, in giro, si percepisca una certa diffidenza nei confronti dei promotori finanziari, spesso ritenuti alla stregua di pericolosi faccendieri o di finanzieri senza scrupoli. Quello che accade nella realtà, però, è diverso e un promotore finanziario che saprà costruire un buon rapporto con un potenziale cliente potrà farsi apprezzare per la propria professionalità e capacità di negoziazione.

Di contro, non bisogna neanche aspettarsi che il promotore finanziario sia una specie di mago della finanza, in grado di indovinare l’andamento di ogni titolo e di ogni investimento. Il promotore finanziario che sa far bene il proprio lavoro è diverso: è un vero consulente che, a 360°, sa come consigliare chi a lui si rivolge, in modo da avere la costruzione di un pacchetto d’investimento fatto esattamente su misura, come se si trattasse di un abito sartoriale, realizzato in esclusiva.

Un buon promotore finanziario, quindi, si informerà circa il grado di rischio che si vorrà correre, creando un buon investimento che possa funzionare soprattutto su lungo e medio periodo.

Dunque, un’intervista si renderà necessaria, anzi bisognerebbe diffidare di chi non sottopone un nuovo cliente ad una serie di domande mirate, volte a meglio comprendere quella che è la situazione personale, finanziaria e patrimoniale. Un esempio di domande tipo possono essere quelle circa la professione svolta, il tipo di contratto, la presenza o meno di figli minori o di familiari a carico, il tipo di crescita previsto per il reddito (promozioni o aumenti di stipendio).

Infine, spetta sempre al consulente finanziario far comprendere le diverse variabili che compongono un investimento, e quindi i rischi e la tempistica a cui si va incontro scegliendo un prodotto piuttosto che un altro.

28. June 2016 · Comments Off on Come Ricaricare Paypal – Guida · Categories: Banca e Conto Corrente

Questa guida, pensata e scritta per coloro i quali sono possessori di un conto paypal, vuole dare le informazioni principali per sapere come è possibile trasferire i propri fondi da un conto bancario o da una carta ricaricabile al proprio conto paypal.

Se possiedi un conto paypal e sei rimasto senza soldi per fare i tuoi acquisti online, ecco il modo attraverso il quale paypal ti permette di ricaricare il tuo conto, in modo completamente gratuito, attraverso i fondi contenuti nel tuo conto bancario. Segui queste semplici istruzioni.

Collegati e accedi al tuo conto paypal. nella seconda striscia, quella grigio chiaro, troverete alla seconda opzione, la dicitura Ricarca conto, cliccate ed entrate nella pagina. Attenzione per effettuare questa operazione, il conto dal quale prelevate i soldi deve esser intestato a voi, altrimenti paypal non vi permetterà di farlo.

Paypal ti forniarà delle informazioni per eseguire un bonifico bancario. Recatevi in banca con le informazioni fornite e ricaricate il conto paypal. Attenzione, dal momento in cui fate il bonifico bancario, che potete anche effettuare online, al momento in cui avrete la disponibilità dei fondi passeranno circa 2 o 3 giorni.

30. May 2016 · Comments Off on Banca Sistema – Opinioni e Caratteristiche · Categories: Banca e Conto Corrente

Tramite questa pagina è possibile leggere le opinioni su Banca Sistema pubblicate dai clienti sul sito.

Banca Sistema è un istituto nato nel 2011 e il cui business consiste nel rilevare i crediti delle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione. Pertanto, essa si inserisce in un’attività di forte interesse per il mondo delle imprese, che negli ultimi anni hanno subito gli effetti negativi dei ritardi degli enti pubblici nell’onorare le scadenze relative a contratti di fornitura per l’erogazione di beni e di servizi.

Tra i servizi offerti troviamo SI Conto Corrente, il conto corrente a zero spese per persone fisiche, quindi, soggetti che non agiscono per scopi imprenditoriali. Esso riconosce un tasso lordo annuo dell’1% e non fa pagare al cliente alcun canone, mentre tutte le operazioni effettuate sono gratuite.

SI Conto Corrente Junior è dedicato ai clienti di età compresa tra 0 e 13 anni e non prevede alcuna spesa. Offre anche il servizio di Internet Banking, usufruibile solamente dai genitori. Per i clienti della fascia di età tra i 14 e i 18 anni, invece, è prevista la possibilità di utilizzo di una carta di pagamento, ad esempio, per i viaggi all’estero, ma nemmeno in questi casi l’Internet Banking può essere usufruita dal titolare del conto, bensì dal genitore.

Il Conto Corrente Base per Consumatori e quello per Pensionati prevede servizi basilari per i titolari, il cui reddito annuo non superi gli 8.000 euro.

SI Conto Deposito è, invece, il conto deposito di Banca Sistema, ma per aprirlo non è necessario un previo conto corrente acceso presso l’istituto. E’ attivo in 24 ore e i vincoli hanno durata minima di 3 mesi e massima di 120 mesi. Non sono previste spese per il canone e anche l’imposta di bollo è a carico della banca. Non esistono nemmeno giacenze minime o massime. Si ricorda che questi conti sono garantiti fino ai 100.000 euro dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

SI Conto Titoli è il conto titoli per la custodia degli investimenti in azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari senza costi aggiuntivi. Esso è accessibile per quanti, persone fisiche o giuridiche, abbiano già acceso un conto corrente o deposito presso Banca Sistema.

Ma dicevamo che il servizio principale reso dall’istituto è quello di factoring. Esistono a tal fine due principali formule: pro soluto e pro solvendo. Nel primo caso, Banca Sistema acquisisce pienamente la titolarità del credito, indipendentemente dal buon esito dell’operazione. Ciò consente all’impresa di incassare subito il credito vantato nei confronti della Pubblica Amministrazione, dietro il pagamento di una commissione, mettendo a bilancio la cifra.

Con la formula pro solvendo, la cessione del credito non è a titolo definitivo, ma dipende dal buon esito della riscossione nei confronti della Pubblica Amministrazione. In altri termini, il creditore non ha certezza che la somma incassata sia immediatamente iscrivibile a bilancio, in quanto nel caso l’ente debitore non dovesse onorare la scadenza, almeno non nei termini previsti, l’impresa resterà esposta nei confronti dell’istituto.

Esiste anche il Maturity Factoring, una formula con la quale Banca Sistema s’impegna a erogare all’azienda cliente a una data prestabilita (solitamente, quella di scadenza del credito) una certa somma, salvo la pattuizione di una data anteriore, cosa che si traduce in un anticipo da parte dell’istituto.

Il Reverse Factoring inverte la logica delle operazioni suddette, solo che in questi casi è l’ente debitore della Pubblica Amministrazione a rivolgersi a Banca Sistema, in modo da garantire all’azienda fornitrice puntualità nei pagamenti.

Banca Sistema si occupa anche di acquisire dalle imprese i loro crediti IVA. L’operazione prevede la formalizzazione tramite auto notarile e notifica all’Agenzia delle Entrate. L’azienda cedente deve essere possedere una garanzia bancaria..

Un altro servizio è quello di certificazione dei crediti delle aziende nei confronti della Pubblica Amministrazione, con la finalità di migliorare la qualità del portafoglio crediti, di garantire certezze sulla loro esigibilità in tempi certi e una cessione pro soluto anch’essa in tempi certi.

Anche la gestione del recupero crediti rientra tra le attività erogate da Banca Sistema ai clienti. Qui, il servizio non consiste nell’acquisire i crediti di un’azienda, bensì nel velocizzarne i tempi di riscossione, migliorando così la sua liquidità. Tra le operazioni effettuate c’è quella del phone collection, ovvero il contatto del debitore tramite telefono per spronarlo a rispettare le scadenze o sollecitarlo a pagare entro il minore tempo possibile.

Infine, i finanziamenti alle piccole e medie imprese, la cui durata varia dai 36 ai 60 mesi e che presentano rate mensili costanti o variabili, a seconda che il tasso applicato sia fisso o variabile. I finanziamenti hanno dimensioni minime di 100.000 euro e massime di 2,5 milioni.

Per maggiori informazioni, consigliamo di leggere questa guida sul sito Opinionibanche.com, in cui vengono presentati nel dettaglio i prodotti della banca.

28. February 2016 · Comments Off on Fido in Conto – Come Funziona · Categories: Banca e Conto Corrente

Il fido in conto corrente è la possibilità – negoziata preventivamente con la banca – di poter utilizzare una somma di denaro maggiore rispetto a quella disponibile sul proprio conto corrente, pagando alla banca un corrispettivo costituito dagli interessi passivi.

In altre parole il fido è un prestito e come ogni prestito, anche il fido richiede delle garanzie. Quando chiedi alla banca di concederti un fido, infatti, devi dimostrare di avere la possibilità di restituire nel tempo il fido utilizzato e quindi che si possa fidare di te. Anche l’entità e le condizioni del fido dipendono dalle garanzie che ognuno è in grado di fornire, tenendo presente che se la banca ritiene che non ci siano le necessarie condizioni di solvibilità o che lo scoperto si stia protraendo troppo a lungo, può decidere di revocarlo e di richiedere la somma prestata.

Il fido può essere a tempo indeterminato o a tempo determinato..

In ogni caso, con il dovuto preavviso, la banca può revocare il fido accordato e richiedere la restituzione delle somme utilizzate quando ritiene che le condizioni di solvibilità siano venute meno o quando lo scoperto si protrae eccessivamente nel tempo.

La natura del fido, infatti, non dovrebbe essere quella di un vero e proprio finanziamento ma piuttosto di una riserva di disponibilità sul conto corrente, una sorta di valvola di sfogo quando non si sono fatti bene i calcoli con i giorni di valuta per un assegno versato oppure il pagamento stipendio viene disposto in ritardo dal datore di lavoro, oppure ancora si sono verificate delle spese impreviste.

Al contrario, quando si necessita di un finanziamento in via continuativa è il caso di pensare a prestiti personali o altre forme di finanziamento dedicate, a scadenza certa e con tassi di interesse maggiormente convenienti.