14. June 2016 · Comments Off on Trasferire Soldi da Paypal a Carta di Credito · Categories: Carte di Credito

Questa guida vi mostrerà come passare i vostri soldi da paypal a carta di debito/credito, tale operazione è sicura e molto utile se si necessita di avere fondi spendibili rapidamente senza avere l’obbligo di portare contante con se, ricordo che è necessario avere un conto paypal con carta collegata.

Apri il tuo browser internet e collegati al sito Paypal, nella home page del sito inserisci i tuoi dati di accesso ed entra nella tua home page personale, da qui passa con il mouse sopra l’opzione preleva che si trova in alto sulla barra grigia tra l’opzione Cronologia e Ricarica Conto.

Successivamente clicca su Trasferisci fondi sulla carta e nella schermata successiva ti sarà possibile inserire l’importo del trasferimento e la carta a cui sarà destinato il trasferimento stesso. La schermata si presenta con due campi, nel primo è necessario inserire l’importo, che, secondo le disposizioni paypal, deve essere superiore a 10 euro, nel secondo invece sarà possibile selezionare la carta preferita.

Dopo avere completato con successo i passaggi precedenti non resta che cliccare con il tasto sinistro del mouse sopra l’opzione Continua presente in basso a destra nella web page, per ultimare la richiesta di trasferimento. Va precisato che paypal tassa di un euro tutti i trasferimenti sotto i 99 euro.

14. May 2016 · Comments Off on Come Prelevare Soldi da Paypal · Categories: Carte di Credito

Paypal è uno dei siti più usati per inviare e ricevere pagamenti. In pochi anni è diventato un sito di successo grazie alla sua facilità di utilizzo e all’estrema sicurezza garantita dal fatto che per i pagamenti basta conoscere l’indirizzo mail senza dover fornire dati importanti di conti bancari o carte di credito.

Quando si riceve un pagamento tramite Paypal, i soldi finiscono sul saldo Paypal, quindi possono essere utilizzati solo per pagamenti online tramite lo stesso Paypal. Ma è possibile anche accreditare tali soldi sul conto bancario o sulla carta di credito in modo tale da poterli usare anche al di fuori di Paypal. Basta innanzitutto entrare nel proprio account Paypal.

Nella pagina dell’account Paypal dovrete cercare preleva e scegliere se destinare i soldi al vostro conto bancario o alla vostra carta di credito. Nel primo caso sarà necessario che il conto sia intestato a voi e dovrete fornire il numero IBAN e il nome della banca; nel caso di carta di credito basta inserire l’importo e se ne avete una già registrata potete selezionarla o aggiungerne una nuova.

Dopo avere inserito i dati necessari basterà confermare. Il pagamento verrà accreditato entro 5 giorni e in base all’importo prelevato verranno imposte delle tasse. Un euro per importi inferiori a cento euro, mentre il prelievo è completamente gratuito per prelievi superiori ai cento euro. Proprio per questo conviene sempre prelevare un minimo di cento euro.

14. April 2016 · Comments Off on Come Scegliere Carta di Credito · Categories: Carte di Credito, Guide

Sono uno strumento indispensabile non solo per chi viaggia ma anche per la vita di tutti i giorni. Ogni tipologia risponde ad esigenze diverse: carte di debito, prepagate, carte di credito bancarie o carte di credito.

La più comune è il Bancomat. Viene rilasciato gratuitamente dall’ Istituto Bancario all’apertura di un conto corrente. Risulta essere consigliabile utilizzarlo per il prelievo di denaro contante, in quanto la commissione è gratuita se si sceglie di prelevare da una qualsiasi filiale dell’ Istituto che l’ ha emesso, c’è invece una piccola commissione da pagare nel caso in cui il prelievo avvenga dallo sportello di un altro Istituto.

La valuta è inesistente, in quanto l’importo viene immediatamente defalcato dal proprio estratto conto. Risulta essere fondamentale conservare con cura il pin e digitarlo facendo attenzione a non essere osservati.

Carte bancarie

Vengono rilasciate dall’ Istituto bancario su cui abbiamo accesso un conto corrente gratis o a pagamento.
Risulta essere consigliabile utilizzarle per le spese e non per i prelievi bancari in quanti la commissione per il prelievo del denaro contante varia dal 3 al 4% dell’ importo prelevato, in base alle condizioni contrattuali.
Si appoggiano ai circuiti interbancari più spendibili.
Parametri fondamentali che devono influenzare la nostra scelta sono la valuta (il numero di giorni che intercorre fra la chiusura contabile e quello in cui il saldo dell’ estratto conto verrà prelevato dal conto corrente) e la linea di credito (la spendibilità, ossia il tetto massimo di importo oltre il quale non è possibile spendere).
Possono essere a saldo (pagherò quanto spendo) o revolving(l’importo dell’ e/c verrà rateizzato e verranno contabilizzati gli interessi in base alle condizioni contrattuali). Alcune carte bancarie possono essere utilizzate sia a saldo che rateizzabili in base alla esigenze del cliente. Nel caso in cui la rimessa del saldo sia rateizzabile c’è la possibilità di rimborsare una rata fissa o una percentuale del debito.

Carte di credito

Vengono emesse dalle emittenti.
Parametri fondamentali sono la spendibilità. Che me ne faccio di una carta di credito che non posso usare perchè non accettata dagli esercenti?
La valuta. Maggiore è il numero di giorni che intercorre fra la chiusura contabile e quello in cui il saldo dell’ estratto conto verrà prelevato dal nostro conto corrente, maggiore è il vantaggio.

Il costo della quota associativa. Che senso ha avere una carta di credito a pagamento se il mio Istituto bancario me la rilascia gratuitamente?

La linea di credito. La spendibilità è fondamentale. Le carte di credito senza limite di spese prefissato danno la possibilità ai clienti di modificare in base alle loroesigenze e alle informazioni bancarie quella linea di credito”fittizia” che viene stabilita.
Queste tipologie di carte sono congeniali per far transitare le cauzioni delle spese alberghiere, di viaggio o di autonoleggio, onde evitare di impegnare una carta conlimite di spesa prefissato di pre – autorizzazioni che la renderebbero momentaneamente inutilizzabile.

Carte prepagate
Sono indicate soprattutto per le transazioni on line. Sono sicure e ricaricabili in ogni momento.

22. March 2016 · Comments Off on Come Funziona Postepay Evolution · Categories: Carte di Credito

Da anni, Poste Italiane è sempre più attiva nei servizi di tipo bancario, erogando una vasta gamma di carte per i pagamenti, molto diffusi tra la clientela italiana, giovane e giovanissima compresa, grazie alle caratteristiche di flessibilità, convenienza e facilità d’uso. Si consideri, poi, che Poste Italiane dispone di ben 14.000 uffici in tutta Italia, di cui la metà dotata di ATM. A conti fatti, si tratta di un numero molto più elevato di qualsivoglia gruppo bancario presente sul nostro territorio nazionale. Ciò agevola l’uso delle carte erogate da Poste Italiane, come la Postepay Evolution. Si tratta di una carta ricaricabile dotata di codice Iban, che ti consente di usufruire di tutti i servizi di una ordinaria Postepay, oltre che della possibilità di ricevere e inviare bonifici.

Con Postepay Evolution potrai accreditare lo stipendio o la pensione, comunicando il codice Iban al datore di lavoro o all’ente di previdenza; ricevere bonifici, sempre comunicando il codice Iban alla persona che deve effettuare il pagamento, inviare un bonifico dall’applicazione Postepay, dal sito postepay.it e attraverso l’ufficio postale; potrai anche effettuare acquisti presso più di 30 mila esercizi convenzionati in tutta Italia con il circuito MasterCard, quello di appartenenza di Postepay, domiciliare le utenze domestiche, pagare bollettini postali e anche con l’F24; pagare ai pedaggi autostradali con i caselli abilitati; prelevare denaro contante sia presso tutti gli ATM di Poste Italiane, sia anche presso quelli di altri gruppi bancari, che siano convenzionati con il circuito MasterCard; potrai anche consultare il saldo accedendo al sito postepay.it, agli ATM Postamat, alle applicazioni Postepay e all’interno di ciascun ufficio postale.

Quanto ai costi della carta Postepay Evolution, il suo rilascio prevede il pagamento di 5 euro, mentre il canone annuale è di 10 euro. Non sono previsti costi per il prelievo presso gli ATM Postamat, per effettuare pagamenti, per l’accredito dello stipendio, mentre con l’applicazione Postepay possono essere effettuate mini-ricariche da 25 euro al giorno.

I titolari di Postepay Evolution possono accedere al Mini Prestito Banco Posta. L’importo massimo finanziato è di 3.000 euro e può essere rimborsato in un numero massimo di 22 rate mensili. Esistono 3 fasce d’imposto: da 1.000, 2.000 e 3.000 euro.

Come detto, possono accedervi solo i titolari di Carta Postepay Evolution. Sono richiesti la carta d’identità, la tessera sanitaria e un documento attestante il reddito. Per i cittadini stranieri sono richiesti un passaporto o altro documento di riconoscimento valido, carta o permesso di soggiorno valido, un documento attestante che si è residenti in Italia da almeno 12 mesi o da 36 mesi e un documento che attesti di lavorare alle dipendenze dello stesso datore di lavoro da almeno 12 mesi continuativi.

Il rimborso delle rate mensili avviene con addebito diretto sulla carta Postepay Evolution o sul conto corrente postale.

Il plafond della carta è di 30.000 euro, mentre l’importo massimo ricaricabile è nei limiti del plafond e fino a 100.000 euro sul totale delle carte Postepay Evolution intestate allo stesso titolare. Le ricariche online tramite postepay.it, poste.it, il servizio BancoPosta Online, conto BancoPostaClick o con altra Postepay ammettono l’importo massimo di 3.000 euro e fino a 2 volte al giorno da parte dello stesso ordinante.

Quanto ai limiti di prelievo giornaliero, essi sono pari a 600 euro da ATM Postamat, ATM bancari e nei limiti del plafond dagli uffici postali abilitati; su base mensile, il massimo prelevabile è fissato in 2.500 euro tramite ATM Postamat e ATM bancari.

Per i pagamenti, il limite massimo consentito al giorno è di 3.500 euro e di 100.000 euro al mese presso i POS convenzionati e nei limiti del plafond presso gli uffici postali.

I costi di commissione per effettuare un bonifico verso l’area Sepa è di 1 euro, se tramite applicazione Postepay o tramite il sito postepay.it, di 3,50 euro se tramite gli uffici postali. Per i postagiro, il costo è di 0,50 euro in ogni caso. E la commissione di addebito Sepa Direct Debit Core da paesi dello spazio economico europeo SEE è di 0,40 euro, esclusi gli addebiti diretti disposti dalle aziende creditrici presenti nell’elenco pubblicato sul sito di Poste Italiane.

La carta Postepay Evolution risulta anche dotata di tecnologia contactless, che consente al titolare di pagare ai POS in pochi istanti, semplicemente avvicinandola al lettore della macchina. Per gli importi fino a 25 euro non è necessario né firmare alcunché, né ricevere uno scontrino. Se anche per errore si dovesse avvicinare la carta per più di una volta, la Postepay Evolution registrerà una sola operazione. Questa tecnologia appartiene a MasterCard e, pertanto, può essere utilizzata presso i punti vendita convenzionati con il suddetto circuito.

La carta Postepay può essere rinnovata presso un qualsiasi ufficio postale, semplicemente portando quella scaduta o in scadenza, ottenendo quella nuova, che sarà inviata al domicilio del titolare. Il rinnovo può essere richiesto da non oltre 2 mesi prima fino a non più di 18 mesi dalla scadenza. Il rinnovo trasferirà automaticamente il credito residuo sulla carta vecchia a quella nuova.

Con la carta Postepay, compresa la versione Evolution, potrai ottenere gli Sconti BancoPosta, facendo acquisti in quasi 30.000 esercizi convenzionati e guadagnando sconti accreditati direttamente sulla carta.

Risulta essere possibile ricaricare Postepay Evolution presso tutti gli sportelli ATM Postamat con le carte PagoBancomat, pagando una commissione di 2 euro. Se la ricarica avviene agli sportelli ATM Postamat, ma con carta di pagamento aderente al circuito Visa, Visa Electron, Vpay, MasterCarc e Maestro, la commissione applicata è di 3 euro. Altri modi per ricaricare possono essere quello di scaricare la nuova applicazione di Poste Italiana, disponibile per smartphone e tablet iOS e Android. In questi casi, la ricarica può avvenire sia dal conto BancoPosta che da un’altra carta Postepay.

Chiaramente, la carta può essere anche ricaricata versando il contante in uno degli uffici di Poste Italiane, oppure accedendo agli ATM Postamat, attraverso un’altra carta Postepay. Infine, esiste il servizio al domicilio, che può essere richiesto ai Portalettere abilitati di Poste Italiane, senza alcun costo aggiuntivo, oltre a quelli standard.

Nel caso si utilizzi l’applicazione Postepay, bisogna effettuare il trasferimento del denaro da una carta nominativa ad un’altra, oppure con addebito su BancoPosta. Risulta essere possibile anche verificare il saldo e la lista dei movimenti della Postepay, effettuare le ricariche da cellulare e richiedere una ePostepay.

Con l’applicazione PosteMobile, se possiedi una SIM PosteMobile puoi farlo anche dal menu SIM senza bisogno di una connessione internet. L’essenziale è associare un conto BancoPosta e la Postepay a una SIM.

Presso le ricevitorie Sisal, invece, puoi ricaricare da un minimo di 1 a un massimo di 999 euro, presentando il codice fiscale e il numero della carta da ricaricare. Lo stesso vale anche per le ricariche presso le tabaccherie convenzionate, mentre per i clienti di un conto Bipiemme è possibile farlo accedendo all’area home banking sul sito.

28. January 2016 · Comments Off on Cosa Sono le Carte Business · Categories: Carte di Credito, Guide

Liberi professionisti, studi professionali e piccole e medie imprese possono utilizzare carte di credito a dedicate, che rispondono a esigenze specifiche.

Le carte business rispondono alle esigenze delle imprese, costituendo una soluzione efficace e conveniente per semplificare le procedure per la gestione della nota spese e ridurre gli anticipi di cassa consentendo di fruire di servizi aggiuntivi utili quali: l’assistenza per i viaggi, il servizio di noleggio auto, le facilitazioni per gli acquisti negli esercizi convenzionati, l’estratto conto dettagliato con le statistiche delle spese, il riepilogo semestrale delle operazioni economiche, il possibile rimborso rateale delle spese.

Per le aziende più grandi che intendono razionalizzare la gestione dei viaggi di lavoro del proprio personale, inoltre, ci sono carte di credito destinate ai dipendenti per l’acquisto di particolari servizi, principalmente nell’area relativa ai viaggi di lavoro. Sono un valido strumento per l’ottimizzazione della gestione delle spese di viaggio e di rappresentanza.

Alcune banche offrono, incluso nel servizio, altre utili opportunità quali: un programma assicurativo di servizi per chi viaggia, con consulenza medica e invio di un medico in caso d’emergenza o invio di un carro attrezzi e la possibilità di usufruire di un’auto sostitutiva, la protezione del bagagli in viaggio.
Nei servizi offerti spesso è compresa la copertura assicurativa sugli acquisti effettuati dagli utilizzatori della carta.