20. June 2017 · Comments Off on Carta Nuova di Banca Nuova · Categories: Altro

Carta Nuova è una carta ricaricabile multifunzione e multiuso, dato che consente di saldare gli acquisti mediante i circuiti PagoBancomat, Bancomat e Mastercard, in Italia e all’Estero.

Cosi come è possibile prelevare denaro contante, sia in Italia che in territorio straniero, è possibile fare e ricevere bonifici, ricaricare il telefonino, fare acquisti on line, pagare le utenze mediante bancomat.

Carta Nuova si distingue persino le modalità di ricarica; la carta di credito di Banca Nuova infatti è ricaricabile liberamente, per un massimale di giacenza ampio pari a diecimila euro.

Oppure è possibile attivare la ricarica periodica, mediante un bonifico programmato o con l’accredito mensile del proprio stipendio.

Con la carta prepagata Carta Nuova è anche possibile attivare un servizio di ricariche a soglia, nell’istante in cui l’importo di denaro a disposizione del cliente sscenderà sotto la soglia prefissata, scatterà in automatico una ricarica.

Carta Nuova rappresenta uno strumento di pagamento estremamente economico, una vera alternativa al conto corrente.

Per averla basta corrispondere 10 euro per l’attivazione, non sono previsti canoni annui ne spese di gestione ed i costi di ricarica sono molto contenuti.

Se richiedete la carta on line il costo d’emissione scende a soli 8 euro.

14. June 2017 · Comments Off on Come Risparmiare Energia Elettrica · Categories: Altro

L’autorità per l’energia elettrica ed il gas, AEEG, ha calcolato il consumo medio di energia da parte di una famiglia formata da 3 persone. E stato osservato che in un anno si consumano mediamente 3200 kwh equivalenti ad una spesa di 640 euro.

Da questa indagine sono stati avviati diversi studi su come risparmiare energia elettrica in casa.

Bisogna ricordarsi che il risparmio di energia permette una diminuzione dell’inquinamento, infatti ogni kWh risparmiato è uguale a 0,7 kg. di anidride carbonica in meno.

L’importanza del calore
In inverno non bisogna assolutamente disperdere il calore generato dal riscaldamento domestico, infatti se si riduce lo spreco di calore si riesce a risparmiare energia.

Risulta essere essenziale affidarsi ad una caldaia che abbia incorporato al suo interno gli scaldabagni, i quali devono essere separati per ogni ambiente della casa, così da diminuire le dispersioni di calore.

Lo scaldabagno è l’apparecchio elettrico che consuma maggiore energia in casa, gli altri dispositivi che impiegano maggiore energia sono:

il frigorifero
l’asciugacapelli
la lavatrice
la lavastoviglie
il televisore
l’illuminazione
I suggerimenti per come risparmiare energia

In tempo di crisi c’è il bisogno di consumare minore energia elettrica in casa, così da riuscire a pagare una bolletta che non sia poi tanto cara.

Cosa bisogna fare
sapere quanto si consuma giornalmente, così da rendersi conto dell’effettiva spesa mensile
affidarsi ad apparecchiature di maggiore efficienza energetica, scegliendo gli elettrodomestici di ultima generazione (A++)
non lasciare mai in stand by i dispositivi elettrici (si può arrivare a spendere 70 euro in più all’anno per un televisore che non viene spento completamente)
utilizzare ciabatte con interruttore per poter spegnere completamente tutti gli accessori
eliminare gli elettrodomestici inutilizzati e non tenere collegati, se non servono, i caricabatterie che sono capaci di consumare energia in modo superfluo
spegnere le luci che non servono
usare lampadine a basso consumo che durano 10 volte di più e risparmiano il 75% di energia elettrica
controllare il frigo ed il congelatore, il termostato deve restare su temperature intermedie
impostare il frigorifero lontano dal muro (almeno 10 cm.) per una buona ventilazione e ricordarsi di tenere aperto il meno possibile lo sportello per risparmiare energia dispensabile
non utilizzare eccessivamente il forno tradizionale: consuma il doppio di un semplice microonde
usare gli elettrodomestici che consumano di più di notte: in questa fascia oraria si paga un minor prezzo
Una famiglia italiana deve stare attenta a questi particolari accorgimenti, così da riuscire a risparmiare anche fino al 30% di energia elettrica.

Oggi non bisogna essere obbligati ad installare un impianto fotovoltaico o affidarsi ad una qualsiasi altra fonte di energia rinnovabile, ma basta rendersi conto che i suggerimenti qui scritti sono la base per il risparmio energetico in casa.

07. June 2017 · Comments Off on Carta Ego Go Friends di Banca Credem · Categories: Carte di Credito

La carta Ego Go Friends di Credem è la carta di credito prepagata che l’Istituto ha pensato per tutta la clientela giovane (ovvero di età compresa tra i 18 ed i 28 anni) che sono titolari di una conto Friends presso Credem.

Quale carta prepagata la Ego Go Friends consente ai titolari di effettuare acquisti di beni o servizi presso gli esercizi convenzionati con il circuito internazionale Visa Electron di importo pari alla disponibilità caricata sulla carta, effettuare prelievi di contanti presso gli sportelli automatici abilitati (ATM) e presso gli sportelli bancari autorizzati al servizio.

La carta si caratterizza per avere un costo di emissione pari a 5,00 euro; la carta può essere ricaricata in filiale, tramite Internet Banking, la Banca Telefonica o con un bonifico; i costi delle ricariche sono di 1,99 € se effettuata in filiale, 0,49 € attraverso l’internet banking, 1,49 € con la banca telefonica e 0,99 € tramite bonifico. Per i prelievi di contante è prevista una commissione pari a 1,50 euro.

Per gli acquisti effettuati nei paesi europei non UME è prevista una commissione pari allo 0,5% di quanto speso; tale onere sale all’1,00% qualora si utilizzi il circuito Visa presso paesi extraeuropei.

28. May 2017 · Comments Off on Come Compilare una Fattura Commerciale · Categories: Fisco

La fattura commerciale, rispetto alle lettere commerciali, è uno strumento quotidiano ed indispensabile per tutte le figure professionali impegnate nel commercio. Vediamo insieme come funziona. La fattura commerciale o la Proforma, non è altro che il documento mediante il quale il mittente della merce dichiara il contenuto, il valore della spedizione ed il materiale di composizione del bene spedito. Il documento deve essere redatto in conformità alle diverse leggi internazionali, che prevedono precisi requisiti di esportabilità, per agevolare i controlli alla dogana, bene esser precisi nella redazione delle sezioni relative allo sdoganamento in esportazione, al fine anche di assicurare una consegna nei termini contrattuali prestabiliti.

Che dire se oggetto di spedizioni sono merci e materiali non classificabili come documenti, con destinazione esterna all’Unione Europea. In questo caso le normative doganali prevedono una serie di requisiti per l’emissione della fattura commerciale, o Proforma.

Le spedizioni di merci e materiali non classificabili come documenti e non destinate alla vendita, in genere oggetto di spedizioni tra privati, prevedono la redazione della Proforma;
Le spedizioni di merci e materiali di valore commerciale, destinati alla vendita, prevedono l’osservanza delle norme doganali relative all’emissione della Fattura Commerciale.

Per agevolare ed assicurare uno sdoganamento preciso e rapido la fattura deve essere redatta correttamente. Un’eventuale imprecisione o mancanza di elementi essenziali sarebbe causa di ritardo in fase di controllo doganale, provocherebbe conteggi errati dei relativi oneri e quindi sarebbe la base per multe e sanzioni, talvolta anche molto onerose. Per un esempio è possibile vedere questo modello di fattura proforma sul sito Lafattura.net.
La Fattura Commerciale o Proforma va compilata in inglese o italiano. In questo caso deve esser correlata da traduzione nella lingua del paese di destino e va riprodotta in cinque copie.

20. May 2017 · Comments Off on Come Trovare Finanziamenti per Avviare un’Attività Imprenditoriale · Categories: Prestiti Finanziamenti

Ricercare un finanziamento per avviare una nuova attività imprenditoriale è ormai una necessità visto il periodo di crisi e l’impossibilità da parte delle banche di erogare prestiti. Vediamo come è possibile richiedere un finanziamento agevolato e a fondo perduto per avviare una nuova impresa e soprattutto chi può richiederlo e a quale ente rivolgersi.

Partiamo da una semplice osservazione che spesso può sembrare banale e scontata ma credetemi non lo è. Per poter avviare una nuova impresa, prima di ogni cosa l’utente futuro imprenditore deve avere delle buone conoscenze imprenditoriali e deve soprattutto avere in mente un’idea progettuale ben chiara e definita. Sorvolando sul discorso “conoscenze imprenditoriali”, soffermiamoci brevemente sul concetto di “idea progettuale” che rappresenta un passo fondamentale per chi desidera avviare una nuova impresa usufruendo di finanziamenti agevolati e a fondo perduto. Infatti, poter richiedere un finanziamento avendo tra le mani un business plan ben definito e “vincente” ossia un documento che attesti l’idea progettuale nei minimi dettagli corredato da analisi di mercato e costi di avvio necessari, rappresenta il primo passo per poter richiedere un finanziamento.

Sono presenti enti e agenzie nazionali per lo sviluppo delle imprese come ad esempio InvItalia e SviluppoItalia che hanno l’obiettivo di erogare finanziamenti a giovani imprenditori che possiedono determinati requisiti e a determinate (vantaggiose) condizioni. Tali richieste sono definite a “sportello” nel senso che esaminate ed erogate in ordine cronologico di arrivo della richiesta. Erogazione, ovviamente, soggetta ai requisiti che a seguire esamineremo.

Come già accennato prima, gli enti e le agenzie sopra citate hanno come obiettivo l’erogazione di un finanziamento a giovani imprenditori sia nel settore lavoro autonomo che nella micro impresa. Ciò significa che un giovane disoccupato o inoccupato che precisamente non percepisca reddito e che non sia legato a qualche società tramite quote societarie da almeno 3 anni e che ovviamente non sia titolare di partita iva, può richiedere un finanziamento sia per l’apertura di uno studio professionale (lavoro autonomo) che per l’apertura di un’impresa sia essa un negozio commerciale piuttosto che un bar o un ristorante e così via. Inoltre, il giovane disoccupato non deve aver superato il limite di età di 36 anni al momento della richiesta.

Nel caso di lavoro autonomo è possibile richiedere una cifra massima di circa 26.000 euro (estendibile a 30.000) mentre per la microimpresa la cifra massima è di circa 130.000 euro. La formula di finanziamento prevista è la seguente: il 50% della somma richiesta verrà finanziata tramite un finanziamento a fondo perduto ossia nessuna restituzione della somma da parte del richiedente mentre per la restante parte (cioè per il rimanente 50%) l’ente/agenzia finanziaerà il giovane imprenditore tramite un finanziamento agevolato molto vantaggioso (soprattutto molto vantaggioso rispetto ai soliti e alti tassi di interesse applicati dalle banche) della durata di 3 anni.

Risulta essere possibile richiedere un finanziamento presentando una domanda online indicando in maniera esatta e precisa sia tutti i propri dati anagrafici che sull’idea progettuale. Non ci sono scadenze nella presentazione della domanda (domanda “a sportello” come già detto) e non esistono graduatorie e punteggi di merito e non sono richieste garanzie patrimoniali o personali. Infine, se la domanda è completa ed esatta in ogni sua parte, il finanziamento verrà erogato con tempi di attesa non troppo alti (circa 6/9 mesi) con erogazione del finanziamento entro 12 mesi dalla richiesta della domanda.